01.Abiti da sposa, sposo e damigelle da cerimonia
02.Accessori e intimo sposa/sposo
03.Acconciature, trucco, parrucchieri
04.Addio al nubilato/celibato
05.Agenzie di spettacolo, intrattenimento per bambini ai mat ...
06.Bouquet e addobbi floreali
07.Catering
08.Centri di bellezza/relax/fitness
09.Corsi di ballo
10.Fedi e gioieli
11.Fotografi e video riprese
12.Fuochi d'artificio,iluminazione architetturale
13.Inviti, partecipazioni e bomboniere
14.Liste nozze, arredamenti casa e complementi
15.Luogo del ricevimento,ristoranti,ville,castelli
16.Musica e intrattenimento
17.Noleggio auto/carozze/autobus
18.Noleggio gazebo/tensostrutture/arredi per matrimonio
19.Proposte originali(palloncini,picioni,sculture di ghiacci ...
20.Torte e confetti
21.Viaggio di nozze
22.Wedding planner/organizzazione matrimoni
Al momento non Ŕ presente alcun articolo in vetrina
guida alle nozze

MATRIMONIO ORTODOSSO RUSSO

Si deve preparare con molta serietà, poiché è una scelta per tutta la vita. Quando i due fidanzati sono ortodossi (questo è l'ideale proposto dalla Chiesa), saranno d’accordo per il battesimo e l'educazione dei bambini. Bisogna chiedere il permesso del vescovo per sposarsi in chiesa con un cristiano di un'altra chiesa (protestante o cattolico). Non ci si può sposare in chiesa con un non battezzato, o con un giudeo o musulmano. Se qualcuno prevede un tal matrimonio, è indispensabile consultare il prete. È contrario all’insegnamento della Chiesa che le persone vivano insieme senza essere sposati. Qui bisogna anche ricordare che la Chiesa Ortodossa considera l'aborto come omicidio. Non è sufficiente essere sposati in comune. Un matrimonio in una chiesa cattolica o protestante non ha alcun valore per la Chiesa Ortodossa. Non si celebrano i matrimoni nei giorni di digiuno, né di sabato. Se per una ragione eccezionale ci si vuole sposare di sabato, ci vuole il permesso del vescovo.
Ormai, come in tutti i paesi asiatici, gli abiti degli sposi sono in versione occidentale: scuro per lui e bianco per lei, anche se tradizionalmente l’abito da sposa era di colore blu. Anche in Russia, per tradizione, lo sposo non deve vedere l'abito della futura sposa prima del matrimonio!
In Russia il rito matrimoniale prevede la presenza dei testimoni (uno per lo sposo e una per la sposa. ) importante e che non devono essere né sposati né fidanzati.La testimone della sposa è chiamata a partecipare alla scelta dell'abito e degli accessori. In più, tocca a lei organizzare l’addio al nubilato e aiutare la sposa il giorno del matrimonio. Il testimone ha il dovere di aiutare lo sposo il giorno del matrimonio. "Il riscatto della sposa" e una delle tradizioni ancora in voga nel matrimonio russo, un gioco organizzato dalla testimone della sposa che attende, chiusa in casa, l'arrivo dello sposo. Quest'ultimo giunge accompagnato dal suo testimone e sarà lui a negoziare un pagamento per poter portare via la sposa. Il riscatto non è necessariamente un pagamento in denaro, tanto che spesso diventa l'occasione per aggiungere champagne, frutta e dolci ai regali degli sposi. I testimoni sono fondamentali nella realizzazione di questo gioco matrimoniale .
Sfarzosità e molto alcool sono le parole chiavi per un classico matrimonio in stile russo. La cerimonia ha l’impostazione di una rappresentazione teatrale e viene seguita da ampi festeggiamenti che si svolgono in un ristorante. Dopo la cerimonia, prima di accomodarsi per il banchetto, avviene il rito di pane e sale : una delle due future suocere attende gli sposi tenendo in mano un vassoio con pane e sale. La tradizione vuole che chi tra gli sposi prenderà il pezzo di pane più grande, avrà il diritto di comandare in casa.Il menu offerto agli invitati è molto ricco, anche se i protagonisti assoluti del banchetto sono i superalcolici, la vodka in particolare, di cui i russi sono grandi produttori e consumatori. Sono gli sposi stessi a dare il via ai festeggiamenti con un brindisi inaugurale, seguito dal lancio dei calici. Ancora oggi ad ogni matrimonio russo la gente ripete in coro "Gor'ko" , che letteralmente significa "amaro agli sposi" , e loro devono baciarsi. E' un'antica tradizione russa. Inizialmente la sposa passava davanti agli ospiti con un vassoio e offriva loro un bicchiere di vodka. L'ospite beveva la vodka e diceva Gor'ko per confermare che era davvero vodka e non acqua. In cambio lasciava denaro sul vassoio e baciava la sposa. Poi la tradizione e cambiata e adesso, al coro di Gor'ko, l'unico a baciare la sposa è lo sposo.
Il fiore più usato per il bouquet della sposa è la rosa.Alla fine del banchetto si usa lanciarlo tra le amiche nubili in segno di buon auspicio. In Russia non è ancora arrivata l'abitudine europea della lista nozze.Gli sposi ricevono ogni genere di oggetto, ad eccezione di coltelli e forchette: regalarli porta male.

1. I passi e i documenti per sposarsi in Russia e far venire il coniuge russo in Italia.
Se uno dei futuri coniugi e citadino italiano e vive in Italia e l'altro futuro coniuge e citadino russo e vive in Russia ,per sposarsi in Russia, lo ZAGS di Mosca richiede al cittadino italiano i seguenti documenti (da prepararsi in Italia):
- copia del passaporto;
- certificato di stato libero (la validita del documento e di 6 mesi);
- foglio in cui si dichiara che si intende sposare la cittadina russa di nome cognome, generalita (questo documento vale 1 anno);questo foglio è un documento che lo ZAGS vuole ,in cui il citadino straniero che non si può recare sul territorio russo, dichiari le sue intenzioni ; si scrive in italiano poi si firma di fronte all'ufficiale degli atti notori del proprio Comune, che autentica la firma. Questo documento va portato in Prefettura e si richiede la legalizzazione + Apostille. Si consiglia vivamente di specificare la propria volonta a tenere il proprio cognome, così come la vostra compagna/o terra il suo cognome in originale.
- far legalizzare e mettere l'Apostille in ciascun documento.
In Russia questi documenti vanno legalizzati e tradotti in russo,dopo di che si va allo ZAGS con tutti i documenti legalizzati e tradotti, la futuro coniuge di citadinanza russa aggiungera:
- il suo passaporto;
- il suo certificato di divorzio (in caso di matrimonio passato);
Il citadino russo (futuro coniuge) compilera una domanda allo ZAGS,deve paga una tassa e con la ricevuta si puo scegliere la data del matrimonio.Nel giorno del matrimonio, entrambi gli sposi dovranno essere presenti con il proprio passaporto ,il citadino italiano deve avere anche regolare visto russo e con regolare registrazione valida per quel giorno. E possibile sposarsi senza testimoni ,loro non sono obbligatori.
Dopo il matrimonio in Russia ,se decidete di andare a vivere in Italia è necessario far trascrivere l'atto di matrimonio presso il proprio Comune di residenza in Italia e ottenere il documento attraverso il quale richiedere il visto per ricongiungimento familiare della moglie russa al cittadino italiano. Si porta il certificato di matrimonio in originale all'Archivio Centrale dello ZAGS di Mosca (nome e indirizzo sono forniti dallo ZAGS il giorno della cerimonia) per far apporre l'Apostille sull'originale(e pronto dopo 4-5 giorni). Ritirato il certificato di matrimonio con l'Apostille,si deve tradurre in italiano (compresa l'Apostille) e legalizzare da un notaio(meglio chiedere 2-3 copie conformi). L'operazione intera dura 1-2 giorni.
Dopo il ritiro del certificato di matrimonio tradotto in Italiano ,dovete andare tutti 2 al Consolato Italiano a Mosca (Ufficio Sociale) ,li dovete richiedere la trasmissione dell'atto di matrimonio al proprio Comune di residenza (per i residenti nel Comune di Roma, la trasmissione dell'atto di matrimonio non può essere fatta dall'Ufficio Sociale con le normali copie legalizzate, in quanto il Comune di Roma, richiede il Certificato di Matrimonio in Originale, per cui l'Ufficio Sociale tratterrà quest'ultimo in originale per fare la trasmissione dell'atto, quindi meglio farsi rilasciare 2 certificati originali dallo ZAGS). Si compilano dei moduli appositi e si consegna la documentazione richiesta (fotocopia passaporto degli sposi,certificato di matrimonio in originale con Apostille ,2 copie legalizzate e tradotte in Italiano del certificato di matrimonio (una copia rimarrà al Consolato, una copia sarà restituita agli sposi (legalizzata e vidimata dall'Ambasciata Italiana) e servirà per la richiesta del visto di ricongiungimento familiare per la moglie, per venire in Italia).
In questa fase al Consolato Italiano è possibile richiedere la redazione di apposito atto da trasmettere insieme all'atto di matrimonio, in cui gli sposi dichiarano il regime patrimoniale prescelto. Se si sceglie il regime di comunione dei beni, non bisogna fare niente, potete saltare questo paragrafo, se si sceglie il regime di separazione dei beni, bisogna fare apposita richiesta, compilando un modulo apposito. Finito tutto l'Ufficio Sociale del Consolato Italiano rilascia una ricevuta con la data in cui venire a ritirare il tutto (il certificato di matrimonio originale viene subito restituito). Per ogni documento è richiesto il pagamento di tasse consolari, da pagarsi al momento in contanti ,in euro.Una volta pagato e avuta la ricevuta dovete aspettare che i documenti siano legalizzati e vidimati dalla rappresentanza consolare . Con la ricevuta si ritorna dopo 2-3 giorni all'Ufficio Sociale , si ritira la copia del certificato di matrimonio con le timbrature di vidimazione (non è richiesta la presenza del cittadino italiano per ritirare i documenti,il resto può essere fatto dal citadino russo) . Questa copia è da portare all'Ufficio Visti per richiedere il visto d'ingresso in Italia per il coniuge russo. La trasmissione del matrimonio in Italia al Comune di residenza richiederà qualque settimana.
Il coniuge russo deve recarsi all'Ufficio Visti con : passaporto zagranpasport + 1 fotocopia di questo,formulario di richiesta di visto, fotografia recente, dichiarazione o invito del coniuge italiano con il quale richieda la presenza in Italia del coniuge russo ,fotocopia del certificato di matrimonio ritirato dall'Ufficio Sociale. Il passaporto del coniuge russo con il visto potra essere ritirato dopo 2-3 giorni.
Se volete celebrare il matrimonio anche in chiesa ( con rito ortodosso), dovrete andare tutti 2 presso la Patriarchia di Mosca, dove dovrete scrivere che non tenterete di convertire il coniuge ad altra religione, e lascerete crescere i vostri futuri figli secondo la religione Ortodossa.Questo documento ,richiesto da tutte le chiese Ortodosse, dovrà essere firmato dal Patriarca di Mosca in persona .E meglio presentare la richiesta con un po di tempo prima del matrimonio.

2 .I passi e i documenti per sposarsi in Italia
(citadino/a italiano con citadino/a russo)
In Russia e necessario : fare tutte le apostille sul certificato di nascita, tradurre in italiano e poi legalizzare dalla ambasciata Italiana ; si richiede il visto per turismo per il futuro coniuge russo , mettere il timbro dallo ZACS che il futuro coniuge russo non è mai stato sposato da far apporre in uno dei 2 passaporti .
In Italia quando arriva il vostro futuro coniuge : appena arrivato dovete fare la dichiarazione di presenza alla polizia dell'aeroporto o alla questura di competenza , andare in comune e fare la registrazione (negli appositi moduli che vi forniranno loro,entro 48 ore lavorative e in triplice copia, prendetene 6 di copie degli stampati, poi vi spiego il perché) .Dovete scrivere i vostri dati, i dati del futuro coniuge russo e quanti giorni si fermerà da voi ,il motivo è turismo.Finito tutto andate al ambasciata o consolato russo per il Nulla Osta con i 2 passaporti del futuro coniuge russo, più il certificato di nascita in originale ; per fare questo documento dovete prendere appuntamento almeno 2 mesi prima, in fine il documento deve essere legalizzato. Con il Nulla Osta, il certificato di nascita(anche il futuro coniuge italiano deve avere con se il certificato di nascita in originale) in originale tradotto e legalizzato andate in comune e fate le pubblicazioni . Una volta fatte le pubblicazioni le stesse devono rimanere affisse per 12 gg lavorativi poi potete sposarvi.Una volta fatte le pubblicazioni il vostro futuro coniuge russo ha il diritto di rimanere in Italia anche se scade il visto ufficiale. Per essere ancora piu sicuri di tutto magari passate anche all'ufficio anagrafe del vostro comune e chiedete informazioni migliori, vi dovrebbero dare uno stampato con i documenti necessari.
Dopo il matrimonio fare qualche copia del certificato di matrimonio e compilare i 3 moduli per la registrazione poi andate in questura per richiedere la carta di soggiorno .Gli documenti necessari sono :
- Il certificato di Matrimonio;
- Fotocopia di un vostro documento valido;
- Il modulo vidimato in comune per ricongiungimento familiare ;
- Fotocopia di tutto il passaporto del vostro coniuge russo ;
- 4 foto tessere del vostro coniuge russo ;
- documento analogo attestante i vostri redditi.
- Modulo di autocertificazione dove dovrete inserire alcuni dati e da dove risulta che vi prendete carico del vostro coniuge russo.
La questura rilascerà un certificato provvisorio di 6 mesi ,con questo potete fare tutto il resto dei documenti : iscrizione anagrafica (il codice fiscale lo puo fare anche prima del matrimonio) ; per la tessera sanitaria vi serve la ricevuta della richiesta di iscrizione anagrafica oltre al certificato sostitutivo della questura ; con il certificato provvisorio potete anche richiedere la carta di identità per il vostro coniuge russo .

I paesi dal punto di vista di geografia e cultura orientati sull'Ortodossia
Albania - 165 000 Bielorussia - 6 000 000 Bulgaria - 6 000 000Grecia - 9 000 000 Georgia - 2 000 000 Egitto - 18 000 Gerusalemme e Giordania - 15 000 Cipro - 550 000 Libamo - 370 000 Macedonia - 1 000 000 Moldavia - 3 000 000 Polonia - 1 000 000 Russia - 50 000 000 - 80 000 000 Romania - 19 800 000 Serbia - 8 000 000 Siria - 300 000 Slovacchia - 80 000 Turchia - 5 000 Ucraina - 20 000 000 Finlandia - 58 000 Republica Ceca - 10 000 Estonia - 75 000

"Diaspora"

Australia - 1 000 000 Argentina - 140 000 Benelux - 67 000 Brasile - 180 000 Gran Bretagna - 450 000 Germania - 660 000 Italia - 32 000 Canada - 680 000 Messico - 75 000 Stati Uniti - 5 000 000 Francia - 150 000 Cile - 70 000 Svizzera - 23 000 Svezia - 94 000 Kenya - 400 000 Repubblica Sudafricana - 38 000

Totale nel mondo
- 217.948.000 : Africa - 29.645.000 Australia ed Oceania - 666.000 Asia - 14.881.000 Europa - 165.795.000 America Latina - 481.000 America del Nord - 6.480.000

TORNA ALLE TRADIZIONI
Ricerca il fornitore più vicino a te:
Regione:
Provincia:
Categoria fornitore
 
Visualizza tutti i prossimi sposi
Ricerca un argomento su
 
      Servizi      News      Link        Termini e condizioni d'uso
GUIDA LA SPOSA S.r.l. di Boiasu Lorena Mariana - via San Frontiniano N.2 , 12051 Alba (Cn) - Codice Fiscale: BSOLNM80P52Z129W - PARTITA IVA: 03324160047