01.Abiti da sposa, sposo e damigelle da cerimonia
02.Accessori e intimo sposa/sposo
03.Acconciature, trucco, parrucchieri
04.Addio al nubilato/celibato
05.Agenzie di spettacolo, intrattenimento per bambini ai mat ...
06.Bouquet e addobbi floreali
07.Catering
08.Centri di bellezza/relax/fitness
09.Corsi di ballo
10.Fedi e gioieli
11.Fotografi e video riprese
12.Fuochi d'artificio,iluminazione architetturale
13.Inviti, partecipazioni e bomboniere
14.Liste nozze, arredamenti casa e complementi
15.Luogo del ricevimento,ristoranti,ville,castelli
16.Musica e intrattenimento
17.Noleggio auto/carozze/autobus
18.Noleggio gazebo/tensostrutture/arredi per matrimonio
19.Proposte originali(palloncini,picioni,sculture di ghiacci ...
20.Torte e confetti
21.Viaggio di nozze
22.Wedding planner/organizzazione matrimoni
Al momento non presente alcun articolo in vetrina
guida alle nozze

GLI ACCESSORI DELLA SPOSA

Borsetta:
da evitarsi nel caso di matrimonio religioso, la sposa deve avere in mano solo il bouquet. Nel caso di matrimonio civile è ammessa,pero della stessa tinta del
vestito;ciò che potrebbe servire alla sposa il giorno delle nozze (accessori, calze di ricambio, make up) va affidato il giorno prima delle nozze all’amica più cara o alla mamma.

Calze: devono avvicinarsi il più possibile al colore dell’abito scelto.Meglio non scegliere calze molto coprenti e pesanti che evidenziano caviglie non troppo sottili. Per chi si sposa durante il periodo invernale la scelta può cadere su calze più pesanti.

Gioielli: le mani devono essere libere per valorizzare al meglio la fede nuziale, la vera protagonista della giornata. Se vuole, la sposa può affidare il suo anello di fidanzamento alla mamma per poterlo poi indossare all’anulare della mano destra durante il ricevimento. Durante la cerimonia sono ammessi piccoli orecchini di diamante,un sottile girocollo di perle o platino.Mai usare l’orologio al polso.

Guanti sono necessari in un matrimonio dal tono particolarmente formale, ma dopo l’ingresso in chiesa vanno sfilati e posati sull’inginocchiatoio. Nessuna regola sulla loro lunghezza, si consiglia però che siano in linea con la lunghezza dell’abito. Per quanto concerne la stoffa, possono essere sottili ed impalpabili nel caso di una cerimonia d’estate o in tessuto più pesante, raso o capretto per esempio, per l’inverno. Possono essere realizzati della stessa stoffa dell’abito o con inserti che lo richiamino.

Lingerie: è bene scegliere accessori che lascino la più ampia libertà di movimenti e che non abbiano cuciture troppo evidenti . E’ bene che le spalline del reggiseno o del body siano spostabili o rimovibili in modo da potere adattarle al tipo di scollatura dell’abito.
Meglio scegliere stoffe morbide ed impalpabili. Ristretta la scelta dei colori : bianco, avorio ,"effetto nudo".

Scarpe: si possono acquistare nella maggior parte dei casi nello stesso atelier dove viene acquistato l’abito . Nel caso del acquisto in un altro luogo, è opportuno portare con sé al momento dell’acquisto un campione di stoffa dell’abito. La forma più classica è il décolleté a tacco alto, ma via libera anche a altri modelli .In caso di cerimonia estiva il galateo permette di indossare un sandalo che lasci scoperto il tallone o le dita. E’ bene non eccedere sull’altezza del tacco. Per evitare spiacevoli inconvenienti fatevi consegnare le scarpe almeno uno-due mesi prima e indossatele in casa in modo di abituarvi alla loro forma.
Velo : veniva fatto indossare alle spose per proteggere la loro innocenza .Spesso la famiglia trasmette un velo tradizionale di generazione in generazione. La tradizione vuole il velo sottile ed impalpabile, sobrio , in tulle liscio trattenuto da una coroncina di fiori. Molto apprezzati i veli in pizzo di leggerissima fattura come quelli di Bruges o Bruxelles o di pizzo di Burano. Nel caso di velo a strascico, meglio non superare i tre metri di lunghezza per non compromettere i movimenti. Fino all'arrivo in chiesa il velo coprirà la testa e il viso delle sposa, resterà sollevato per la durata della cerimonia e dovrà essere tolto durante il ricevimento. All’arrivo della sposa all’altare è compito dello sposo sollevare il velo e baciare delicatamente la sposa sulla guancia. Nel corso di una cerimonia civile, o se la sposa è in età matura o nel caso di seconde nozze,è consigliabile indossare un cappello che può accompagnare un tailleur dai toni sobri. Il velo deve accordarsi con l’acconciatura, è importante quindi concordare con il tuo parrucchiere di fiducia il modo con cui lo appunterai ai capelli per non trovarti in difficoltà proprio al momento delle nozze. Puoi utilizzare piccoli pettinini invisibili o decorati con strass e perline, oppure, se l’acconciatura e il vestito lo richiedono, puoi fissarlo ad un raffinato diadema.

Per una cerimonia solenne si sceglie il velo “all’americana”: più corto davanti che dietro: la sposa entra in chiesa velata, sarà lo sposo a sollevare il velo baciandola. Di grande effetto è il velo “a manto” appoggiato sul capo o fermato con fiori, cristalli, nastri che ne impreziosiscono anche il bordo. E’ indicato per abiti con scollature ; il velo classico dietro di circa 3 metri davanti al seno, è adatto per una cerimonia importante; “a triangolo” appuntato sui capelli raccolti con un pettinino o un piccolo diadema, formato da alcuni strati di tulle sovrapposti.
Nella scelta del velo è essenziale tener conto dell’ampiezza dell’abito.

» TORNA A "GUIDA ALLE NOZZE"
Ricerca il fornitore più vicino a te:
Regione:
Provincia:
Categoria fornitore
 
Visualizza tutti i prossimi sposi
Ricerca un argomento su
 
      Servizi      News      Link        Termini e condizioni d'uso
GUIDA LA SPOSA S.r.l. di Boiasu Lorena Mariana - via San Frontiniano N.2 , 12051 Alba (Cn) - Codice Fiscale: BSOLNM80P52Z129W - PARTITA IVA: 03324160047